Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca sul pulsante "Più informazioni"

Cosa fare con i Bambini a Riccione a Fine Estate

La Riviera Romagnola, come ormai tutti ben sanno, è una mecca del divertimento per le famiglie. I bambini sono accolti con tanto amore e tanta dedizione che riportarli a casa dopo le vacanze è una vera impresa.
Il mare è un toccasana per i bambini, e la fine dell’estate è un periodo ottimo per trarne il massimo dei benefici, senza lo stress della calca estiva e delle temperature proibitive. Il sole è uno stimolante della vitamina D, che aiuta lo sviluppo delle ossa e previene malattie dermatologiche. L’acqua del mare aiuta i bambini che soffrono di psoriasi ed eczemi, ma anche l’aria aiuta a migliorare la salute delle vie respiratorie prevenendo i malanni invernali. Il clima del mare aiuta i bambini a riposare meglio, regolando il ciclo sonno – veglia.
Settembre, ma anche le prime settimane di ottobre, possono essere periodi perfetti per delle vacanze al mare con i bambini. Destinazione ideale è Riccione, ricca di attrazioni e di attenzioni dedicate ai più piccoli. 
E’ estremamente facile scegliere dove alloggiare a Riccione grazie alla presenza di numerosi family hotel, attrezzati ad hoc per accogliere i piccoli come a casa. Oppure si può approfittare delle offerte nella vicina Gabicce consultabili sul sito www.hotelgabicce.info.

Le cose da fare a Riccione con i bambini sono innumerevoli. Iniziamo dalle attività classiche da mare, che possono essere praticate anche nei periodi più miti come l’autunno. 

In spiaggia possiamo portarli a giocare con la sabbia, aiutarli a costruire castelli e godersi i parco giochi. Il contatto con la sabbia e con l’acqua e l’aria di mare sono importantissimi per la loro felicità, ma anche per la salute. Anche il semplice svago all’aria aperta presso il Parco della Resistenza può portare a grandi sorrisi.

Il Parco Oltremare di Riccione è una delle destinazioni più accattivanti per i piccoli. Il parco divertimenti racconta il mondo marino e sensibilizza i piccoli (e gli adulti).Lo stesso vale per l’Ospedale delle Tartarughe, un ambiente protetto in cui ci si prende cura di questa preziosa specie animale. A pochi chilometri, nella località di Cattolica, c’è poi il suggestivo Acquario Parco Le Navi con 4 percorsi interessanti da seguire.

La Riviera Romagnola è un vero concentrato di parchi divertimento. In pochi chilometri quadrati troviamo davvero ogni genere di intrattenimento per le famiglie: Fiabilandia, Italia in Miniatura e Mirabilandia solo per citarne qualcuno.

Stelle e pianeti sono un altro mondo affascinante per i bambini. Presso il planetario Galileo Galiei. Tramite proiezioni, laboratori e visite didattiche i piccoli possono avvicinarsi alla misteriosa realtà che sta sopra di noi.

Il Museo del Territorio di Riccione offre la possibilità di conoscere la storia locale e di approfondire l’archeologia con laboratori didattici e visite a misura di bambino. 

Un momento per soddisfare la curiosità dei piccoli e stimolare la loro curiosità può essere creato con la visita del Castello degli Agolanti che impera sulla città. 

Prepararsi adeguatamente al periodo invernale vuol dire anche prevenire le malattie del tratto respiratorio. Presso le Terme di Riccione è possibile sottoporre i bambini in un ambiente pensato per loro a cure inalatorie o bagni dermatologici.

Riccione è molto apprezzata dagli amanti delle due ruote. Sono molti gli itinerari ciclistici a disposizione dei turisti, sia lungo il mare che per le vie del centro o che si snodano alla scoperta dell’entroterra. I percorsi più semplici sono quelli preferibili in compagnia dei bambini che possono godersi in sicurezza le gioia di una scampagnata in bicicletta con la famiglia.

Lo spirito d’avventura può essere arricchito con una gita in barca.  A Riccione si possono effettuare gite alla coperta delle cozze, visitare la Baia di Vallugola ricca di misteri e molto altro ancora.

La sera al mare non può che concludersi, per i più piccoli, in sala giochi e con un buon gelato.

Vota questo articolo
(2 Voti)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli correlati (da tag)

Giochi per bambini

  • Gen 12th 2015
    Spiegazione del gioco:

    Un bambino assume il ruolo della volpe, gli altri bambini saranno le galline. 

    Le galline stanno nel pollaio (un recinto costruito con la corda) e la volpe nella sua tana. 

    Al suono di un campanello le galline escono dal pollaio e razzolano nell'aia, ma all'improvviso arriva la volpe che le vuole prendere per mangiarle. 

    Quando vedono la volpe le galline devono rifugiarsi nel pollaio; se la volpe cattura una gallina, questa diventa volpe.

  • Lug 16th 2014

    I bambini sono tutti disposti in coppie tenendosi a braccetto. Una coppia è però spaiata: un bambino rincorre e l’altro scappa. Il bambino che scappa può salvarsi prendendo a braccetto uno qualsiasi degli altri bambini: in questo modo è il bambino dalla parte opposta che deve scappare. (Se un bambino A è a braccetto con B e il fuggitivo prende a braccetto A, sarà B a continuare la fuga e il precedente fuggitivo è per adesso in salvo!). Quando chi scappa viene preso i ruoli si invertono.

  • Lug 16th 2014

    I bambini saranno disposti in due righe, guardandosi frontamente, suddivisi nella squadra dei CAMMELLI e quella dei CAVALLI. 
    Si racconta una storia che ha protagonisti dei CAVALLI e dei CAMMELLI: ogni volta che l’animatore dice ‘cammelli’, questi ultimi devono scappare dietro una linea posta dietro le loro spalle, a fondo campo. Viceversa dovranno fare i ‘cavalli’ quando verrà pronunciata la loro parola. La squadra che non viene nominata dovrà invece acchiappare più avversari possibile per poter vincere. Vince la squadra che per prima elimina tutti gli avversari.

  • Lug 16th 2014

    I BAMBINI DISPOSTI IN CERCHIO SI TENGONO PER MANO. RAPPRESENTANO LE PORTE DI UN CASTELLO E LE MANI SONO CATENE. UN BAMBINO E' AL CENTRO DEL CERCHIO OVVERO DENTRO IL CASTELLO. I BAMBINI CHE FORMANO IL GIROTONDO INIZIANO A GIRARE E CANTANO
    "APRI LA PORTICINA,
    APRI LA PORTICINA,
    APRI LA PORTICINA
    SE TU VUOI USCIRE"
    IL GIROTONDO SI FERMA E IL BAMBINO AL CENTRO CANTA
    "LA CHIAVE L'HO PERDUTA,
    LA CHIAVE L'HO PERDUTA,
    LA CHIAVE L'HO PERDUTA
    NON SO COME FARO'"
    ED ALLORA I BAMBINI DEL GIROTONDO RIPRENDONO A GIRARE E CANTANO
    "ALLORA STARAI DENTRO
    PER UNA SETTIMANA
    FINCHE' NON HAI LA FORZA
    DI ROMPERE LE CATENE"
    SI FERMA IL GIROTONDO I BAMBINI STRINGONO FORTE LE MANINE (CATENE) E IL BAMBINO DEVE CERCARE DI APRIRLE. SE DOPO "1, 2, 3" IL BAMBINO NON RIESCE A SPEZZARE LE CATENE RIMANE AL CENTRO E IL GIOCO RIPRENDE.
    ALTRIMENTE LUI DARA' LA MANO AI BAMBINI DEL CERCHIO E UNO DEI BAMBINI DEL CERCHIO ENTRA NEL CASTELLO.

  • Lug 16th 2014

    Inizialmente si formano due squadre. Si dovranno sistemare in du file indiane e ogni bambina/o sarà un numero, tranne una/un bambina/o che si metterà distaccato e lontano ma non troppo da queste file e in mano terrà un fazzoletto ogni volta che dirà un numero la/il bambina/o che lo è corre a prenderlo ma avrà come avversario una/un bambina/o  dell'altra fila. Chi va a prendere per prima/o il fazzoletto vince.

  • Lug 11th 2014

    Un bambino prende la palla e si mette ai lati di un campo mentre gli altri bimbi sono sparsi dentro al campo, quando l'adulto dice via il bambino cacciatore (con la palla in mano) inizia a lanciare la palla per colpire uno dei bimbi che corrono nel campo. Se il cacciatore prende un bambino si fa scambio di ruoli.

  • Lug 11th 2014

    Prendete un cappello e mettete la musica. I bambini si passano il cappello e quando fermate la musica chi ha il cappello in testa deve dire il suo nome, e procede così finchè tutti hanno detto il proprio nome.

  • Lug 11th 2014

    Ottimo gioco per memorizzare i nomi.

    Seduti in cerchio. Ci si passa una palla morbida o un peluches. Il primo comincia dicendo “Mi chiamo Luca e mi piace la marmellata”. Passa la palla al suo vicino, che deve dire il proprio nome e una cosa che gli piace: “Mi chiamo Alessio e mi piace la pizza”Completate il giro.

    Tags:nomi gioco
  • Lug 11th 2014

    Seduti in cerchio. Il primo per presentarsi dice il suo nome es:”io mi chiamo Filippo e mi prude il mento”

    Il secondo bambino ripeterà il suo nome e imiterà la mossa.

    Esempio “lui è Filippo e gli prude il mento” e tutti si grattano come loro; a sua volta il secondo dirà il suo nome e dove gli prude.

    Esempio “io mi chiamo Giorgio e mi prude la mano” e così via .

    Tags:gioco nomi
  • Lug 11th 2014

    Disposti in cerchio, l'adulto lancia una palla ad un bambino che la lancia a sua volta ad un altro, chi riceve la palla deve dire il nome di chi gliel'ha lanciata finché tutti hanno ricevuto la palla! 

    Seguici su facebook

    Giochi per bambini

    Pasqua grg 2

    Galup Pagina3

    Viaggia leggero....spedisci i tuoi bagagli con GRG!

    bagagli

    Iscriviti alla Newsletter

    Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

    Scarica Adobe Flash Player


    Filastrocche mesi

    Go to top